mercoledì 2 dicembre 2020

Nomentum Calcio - Mister Enrico Mantovani si racconta


 

di Fausto Zilli

Ciao Enrico, raccontaci un po’ la tua storia calcistica…

Ciao Fausto, la mia storia calcistica inizia all’età di 6 anni al San Basilio Lazio, facevo il portiere. La parte predominante del settore giovanile dopo aver cambiato ruolo ed essere passato per il Montesacro Lazio l’ho praticata sotto casa all’Achillea, la mia famiglia abitava a Talenti, ancora adesso ho rapporti con i miei ex compagni di squadra di quei tempi, per me restano i ricordi più belli.

La parte agonistica inizia con la Primavera del Monopoli, per poi l’anno seguente approdare nel Villalba e vincere il campionato di Promozione( non esisteva l’eccellenza e si saliva in Interregionale) per un ragazzo di 19 anni un’esperienza fantastica. Sono sempre rimasto nei dilettanti ed ho giocato fino ai 33 anni, ho cambiato squadre ma quella che porto nel cuore è L’ALMAS squadra storica della capitale.

Avresti mai detto di intraprendere la carriera da allenatore?

Per me è divertimento e non carriera, si ho sempre avuto questa consapevolezza, a 25 anni mentre giocavo ho conseguito il mio primo patentino da allenatore E qualche stagione ho giocato ed allenato i piccolini. Quali qualità deve avere un allenatore? Per me un allenatore deve essere empatico perché  si riesce a capire lo stato d’animo di ognuno dei ragazzi, si riesce a creare un rapporto biunivoco con ognuno di loro. Un allenatore deve essere come un padre, fermo anche autoritario ma deve saper dispensare affetto. Che qualità deve avere un giocatore per diventare un campione nel calcio?. E’ un’insieme di qualità oltre all’aspetto tecnico e tattico per me è la componente maturità che conta molto, il famoso “cervello”, in più in questo momento purtroppo conta anche se hai un appoggio esterno.

Cosa ti senti di consigliare ad un ragazzino che vuole imparare a giocare a calcio? Gli consiglio di intraprendere questo GIOCO per divertirsi e non per arrivare perché non è detto che uno non si possa divertire fino a 30 anni senza giocare nei professionisti, a me è successo. Di lasciarlo praticare questo sport in autonomia, delle volte sento genitori dire che L’allenatore gli ha tolto l’autostima, Autostima significa autonomia se noi apparecchiamo il tavolo ai nostri figli cresceranno uomini privi di autostima. I genitori devono Vigilare ed intervenire solo se realmente ci sono condizioni di sofferenza, altrimenti un rimprovero di un Insegnante o di un allenatore non ha mai ucciso nessuno.

Sei stato un giocatore che usava diversi “trucchetti del mestiere”, li insegnerai ai tuoi ragazzi?

Si ma solo quelli che non ledono la lealtà sportiva.

Qual è stata la stagione da giocatore che ricordi con più piacere? Ricordo tutte con molto piacere ma quella che mi ha dato più soddisfazioni è la vittoria del campionato con il Villalba!!!

Qual è l’allenatore che preferisci? In questo momento Italiano dello Spezia, si vede l’impronta dell’allenatore nella squadra Tra l’altro un tecnico che viene dal basso e si è conquistato la serie A vincendo sul campo.

Il giocatore che preferisci?  Acerbi credo sia uno dei difensori più forti in Italia in questo momento, Tra l’altro un ragazzo che ha combattuto giovanissimo una battaglia contro il cancro e l’ha vinta.

Un saluto ai “miei” ragazzi del 2008

Grazie Fausto

SCALDACOLLO UFFICIALE - INFO ACQUISTO IN SEGRETERIA


 

martedì 10 novembre 2020

venerdì 6 novembre 2020

IL Presidente del Nomentum Simone Ruggeri si racconta

 

di Fausto Zilli

“La rubrica mi racconto IO” riprende il viaggio nel mondo del calcio amatoriale, raccontando storie, passione , inediti per chi fà parte di questo meraviglioso sport . Un gradito ospite ai nostri microfoni Simone Ruggeri il Patron Presidente dell’ASD Nomentum società in ascesa, nata pochi anni fà bene organizzata, scuola calcio agonistica e prima squadra che milita nel campionato di Promozione LND Lazio.
Quali sono stati i suoi inizi nel mondo del calcio e come sei arrivato a essere Presidente del Nomentum calcio? “ho sempre avuto la passione per il calcio, ho iniziato a praticare questo sport , alla tenera età di 5 anni con la Pol. Mentana. Sono diventato presidente del nomentum , essendo uno dei fondatori della società stessa”.
Sei più dirigente o più tifoso? “Sono il primo Tifoso“.
Come giudichi il lavoro fatto fin qui da Mister Lauretti? ” il Nomentum e tutti i ragazzi della prima squadra e non solo, sono fortunati ad avere un mister come Lauretti, un’ eccellente lavoro”.
Prospettive di crescita per il Nomentum? “lavoreremo per portare titoli regionali nelle nostre squadre agonistiche”.
 Di che cosa avrebbe più bisogno il tuo club? “Sicuramente di un campo a 11 situato dentro il meraviglioso centro sportivo, quale life“.
Programmi per la prossima stagione? “Molti programmi in cantiere, stiamo valutando con il mio staff…iniziando dalla scuola calcio, dove finirà il nostro contratto triennale con il Torino FC e valuteremo attentamente il da farsi. Non escludo una nuova collaborazione con un Club Professionistico ( Potrebbe anche essere un Club Europeo “) 
Cosa ti auguri per l’immediato futuro? “Di tornare presto a fare calcio come sappiamo fare, con la passione di sempre, con le giuste motivazioni e quella piccola ambizione che alla fine non guasta mai”.

venerdì 23 ottobre 2020

CALCIO MERCATO NOMENTUM

di Fausto Zilli
Altro colpo di mercato in entrata del Patron Presidente del Nomentum Simone Ruggeri e del Direttore Sportivo Alessio Zitelli , a disposizione di mister Pierpaolo Lauretti il BOMBER Ushe Gino classe 93 ruolo attaccante, un trascorso in Eccellenza Promozione tra Passocorese, Fiano Romano.
Benvenuto al neo acquisto.


 

mercoledì 7 ottobre 2020

ALTRA BOMBA DI MERCATO NAPPI E' DEL NOMENTUM




di Fausto Zilli
La notizia arriva direttamente dal patron il Presidente Simone Ruggeri  dell'arrivo del bomber Nappi Edoardo classe 2001 ruolo rivestito in campo  centrocampista. Nella scorsa stagione sportiva era un tesserato dell' Atl Vescovio, altra pedina importante per la crescita del  Nomentum, Nappi già a disposizione di mister Lauretti.
In bocca al Lupo a Nappi da parte di tutto lo Staff.

 

domenica 27 settembre 2020

Buona la prima - derby ok

 

di Fausto Zilli

Al campo sportivo O. Pierangeli di Monterotondo nel pomeriggio è andato di scena il Derby nella prima giornata del girone B del campionato di Lega Nazionale Dilettanti Lazio di Promozione. Non è una partita qualsiasi , ma questo è il derby tra Castrum Monterotondo che ospita il Nomentum di mister Lauretti.

Gli undici scesi in campo: Silvi, Palmieri, Polidori, Ceniccola, Petrocchi, Castagnola, Ferrara, Ierardi, Sacripanti D, De Dominicis, Giannetti, a disposizione di mister Lauretti Patano, Cicolani, Gala, Sacripanti S, Di Ludovico, Lanzoni, Quintino, Messina, Morlacchetti.

Partita sentita da entrambe le compagini, derby dal risultato mai scontato. Al via subito il Nomentum guadagnando metri, un paio di occasioni su calcio piazzato . Ben messe in campo entrambi le squadre , sblocca il risultato su colpo di testa il numero 9 Sacripanti Davide, primo tempo termina 1 a 0 per il Nomentum. Nella seconda frazione di gioco ricomincia a piovere intensamente arriva la seconda rete da De Dominici , mischia in area di rigore guizzo del numero 10 portando sul 2 a 0 il risultato. La terza ed ultima rete in contropiede con il numero 17 Lanzoni chiude definitivamente la gara.

Sostanzialmente una partita corretta dentro e fuori dal terreno di gioco, il risultato finale al Pierangeli, Nomentum batte il Castrum Monterotondo per 3 a 0.


FULL TIME 1^ GIORNATA NOMENTUM


 

sabato 26 settembre 2020

Academy Torino FC ASD Nomentum

 


di Fausto Zilli

Continua la linea programmatica di crescita professionale per gli istruttori della Scuola Calcio del Nomentum, in sintonia con l'Academy Torino FC. Questa mattina presso lo Sporting Life sede della società, presente Umberto Esposito Responsabile Tecnico dell' Academy Torino FC.